L'IIS "La Cava" protagonista di "CIAK.. Un processo simulato per evitare un vero processo"

di Redazione  | 25/04/2018 in " Attualità "
454 letture | 0 commenti | 0 voti

 

Educare i giovani alla legalità e far comprendere loro il disvalore di determinati comportamenti, questa la finalità di "CIAK.. Un processo simulato per evitare un vero processo" progetto promosso dal Tribunale peri minorenni di Catanzaro, in collaborazione con l'Ufficio Scolastico Regionale per la Calabria e il Centro di Solidarietà di Catanzaro a cui hanno partecipato 80 scuole in Calabria tra le quali anche l'IIS "La Cava" di Bovalino con 24 alunni provenienti da tre indirizzi di studio.

Il progetto è nato con l'obiettivo di sensibilizzare i giovani alla legalità e al senso civico, coinvolgendoli direttamente nella simulazione di un processo penale minorile. Il copione scelto dall'istituto, sui tre proposti, è stato quello del Cyberbullismo, bullismo in "rete" tema molto attuale. La simulazione si è svolta nell'aula penale del Tribunale per i minorenni di Reggio Calabria lo scorso 14 aprile, dove, dopo i saluti dei Giudici responsabili, si è passati alla rappresentazione ed a momenti di confronto su quanto avveniva in aula.

Gli studenti del  "La Cava" che hanno ricoperto i vari ruoli di avvocati, accusa, giudici, testimoni e parte offesa, sono stati guidati dalla prof.ssa Luisa Sollazzo, docente di diritto, nonché referente del progetto e dall'assistente educativo Mariangela Amante. Soddisfazione tra i giudici presenti nel vedere gli studenti comprendere pienamente come si svolge un processo penale e le finalità e lo scopo dell'iniziativa.

Hanno partecipato alla simulazione: Chiara Blefari, Alessia Di Napoli, Roberta Iacopino, Raffaele Marzano, Francesca Modaffari, Giulia e Sofia Nobile,Danilo Trimboli, (Liceo Classico); Andrea Battaglia, Vincenzo Cuzzupi, Maria Elisa Garreffa, Antonio Muscari,Matteo Orlando, Antonio Romeo, Gianluca Romeo, Vincenzo Zappia, (Liceo Scientifico); Alessia Caminiti Alessia Ceravolo, Elsa Crea, Monica Musolino, Brunantonella Martino, Antonella Pelle, Giustina Strangio, Debora Trimboli (Istituto Professionale Commerciale).


comments powered by Disqus