Il comune di Siderno nega oralmente l’autorizzazione alla bonifica dei copertoni sull'arenile

di Redazione  | 28/05/2018 in " Ambiente "
158 letture | 0 commenti | 0 voti

RICEVIAMO E PUBBLICHIAMO
L’Osservatorio Rifiuti di Siderno, animato da spirito di collaborazione nei confronti dell’A.C. volto alla tutela dell’ambiente e del decoro cittadino, in data 04 maggio 2018, presentava all’Ufficio Protocollo del Comune di Siderno e all’Ufficio Locale Marittimo, una richiesta d’autorizzazione alla rimozione, a titolo volontario e gratuito, dei numerosi pneumatici abbandonati sull’arenile nella zona sud di Siderno. Tale iniziativa scaturiva in considerazione del danno d’immagine che la presenza dei copertoni procurerebbe, con l’estate ormai alle porte, alle numerose attività ricettive che insistono in questa specifica zona di Siderno oltre alle problematiche che potrebbero derivare alla salute pubblica nel caso di una loro combustione.

Purtroppo però, quest’Osservatorio ha dovuto prendere atto della considerazione inesistente della Amministrazione Comunale a quest’ iniziativa invero l’ing. Pietro Fazzari, ha negato oralmente l’autorizzazione alla bonifica, adducendo come motivazione, delle paventate ragioni di scarsa sicurezza, sostenendo che tali lavori sull’arenile, andrebbero fatti con specifici mezzi meccanici, attualmente fuori uso. La cosa alquanto paradossale di questa vicenda, è che nelle more della concessione del nulla osta rilasciato dall’Ufficio Locale Marittimo di Siderno all’Osservatorio Rifiuti, la bonifica sull’arenile sarebbe stata autorizzata, soltanto previa rimozione manuale dei copertoni e senza l’utilizzo alcuno di mezzi meccanici, gli stessi, ritenuti invece indispensabili dall’ingegnere Fazzari.

Morale della favola, grazie all’Amministrazione Comunale di Siderno la raccolta volontaria degli pneumatici, programmata per domenica 27, non si farà, e chissà quanto altro tempo ancora bisognerà aspettare, prima che questi vengano rimossi, magari affidando il costoso servizio a qualche ditta specializzata.   


Tags : siderno
comments powered by Disqus