Ospedale della Locride: situazione drammatica e sempre più preoccupante. Aumenta la rabbia dei cittadini

di Redazione  | 22/06/2018 in " Attualità "
556 letture | 0 commenti | 0 voti

La situazione dell’Ospedale della Locride è sempre più seria e drammatica e non possiamo non nascondere la nostra già nota preoccupazione ed insofferenza.

         È auspicabile che l'importante interpellanza parlamentare presentata dal deputato del Collegio, Francesco Cannizzaro, possa servire a riaccendere concretamente i riflettori della politica nazionale sul "caso Locri".  Come è altrettanto necessario che ai cittadini venga data contezza della relazione presentata dagli ispettori ministeriali al Ministro Lorenzin a seguito dell'ispezione dello scorso dicembre. Se così non fosse, di quella importante “missione in terra di frontiera”, rimarrebbe solamente il piacere, per la nutrita e qualificata delegazione ministeriale, di aver potuto godere del prelibato stocco di Mammola!!!!!!

         Intanto son passati sei mesi dalla visita degli ispettori e con il protrarsi del tempo continua in modo inarrestabile la crisi che ormai da anni ha interessato l'Ospedale della Locride.

         La situazione è al collasso in molti reparti ed il tutto trova conferma negli atti ufficiali dello stesso management chiamato a gestire l'Asp e quindi il presidio ospedaliero locrideo.

         Il personale medico e sanitario è abbandonato a se stesso. Si va avanti per spirito di servizio ed abnegazione alla causa.

         I cittadini vengono quotidianamente umiliati dal disservizio ospedaliero.

         La Gastroenterologia continua a non avere le necessarie attrezzature per poter effettuare le prestazioni richieste dai pazienti ed il dirigente medico recentemente assegnato al reparto spera di poter un giorno eseguire qualche esame endoscopico. Il Pronto Soccorso è alla deriva con il personale esposto a rischi di tutti i tipi.

         In tutto ciò appare emblematica la decisione assunta dal Direttore Sanitario, Pasquale Mesiti, che conferma il periodo nero per l’Ospedale: infatti, con Disposizione di Servizio n. 54 dello scorso 13 giugno, il Direttore Sanitario ammette “le condizioni di criticità che saranno acuite dell’imminente stagione estiva”, ed immagina di risolvere il tutto con l’avvio in tempi brevi di un “sistema di telemedicina”. Inoltre, “dispone”, con il medesimo provvedimento, “l’obbligo per i tecnici di radiologia di eseguire gli esami radiologici senza mezzo di contrasto anche in assenza di personale medico, di farsi assistere da Medici Anestesisti per gli esami radiologici con mezzo di contrasto ed affidare la refertazione di tali prestazioni ad un servizio navetta – con base operativa a Cittanova - per il trasporto degli esami radiologici sempre in attesa della telemedicina”.

         Questo, purtroppo, l’apocalittico scenario dell’Ospedale di Locri.

         Noi, oggi più che mai, alla luce dell’importante consenso conferitoci dai cittadini, continueremo a portare avanti questa importante battaglia di civiltà.      L’Ospedale non può essere chiuso come qualcuno vorrebbe, ma non può assolutamente continuare a rimanere aperto in tali condizioni.

                                                                                                                                                                                                             Giovanni Calabrese

Sindaco della Città di Locri


Tags : locri
comments powered by Disqus