Da Aprile Ryanair a Reggio Calabria con due rotte low cost

di redazione  | 25/10/2018 in " In primo piano "
266 letture | 0 commenti | 0 voti

Entro il primo aprile la compagnia low cost Ryanair approderà nello scalo di Reggio Calabria dunque con una rotta internazionale e una nazionale.

La programmazione per la prossima stagione calda prevede, nel dettaglio, a Crotone tre rotte: Milano Bergamo (giornaliero), Bologna (tre voli a settimana) e Norimberga (due voli a settimana); a Lamezia 11 rotte: Baden-Baden (due voli a settimana), Bologna (11 voli a settimana), Bruxelles Charleroi (due voli a settimana), Francoforte Hahn (due voli a settimana), Cracovia (due voli a settimana), Londra Stansted (quattro voli a settimana), Malta (due voli a settimana), Milano Bergamo (tre voli giornalieri), Milano Malpensa (due voli al giorno), Pisa (giornaliero) e Treviso (giornaliero).

Da Lamezia si raggiungerà anche Malta. Per annunciare le tante novità i massimi dirigenti della compagnia sono venuti a Lamezia. David O’Brien, Chief Commercial Office Ryanair, John Alborante, Sales & Marketing manager Italia e  Niall O’Connor, Director Route Development. Presente anche il presidente Sacal Arturo De Felice, Piervittorio Farabbi, Direttore Generale Sacal, Tiziana Ferragina, Aviation Marketing & Corporate Communication Manager Sacal.

«L’arrivo di RyanAir su Reggio è qualcosa che ci riempie di orgoglio e che non avremmo fino a poco tempo fa nemmeno potuto immaginare e che ci permetterà di raccogliere anche una fetta di passeggeri da Messina» ha spiegato De Felice.

Sconosciute ancora le nuove tratte perché rimangono ancora da definire alcuni aspetti relativi alla pista di atterraggio e agli strumenti che dovranno affiancare i piloti vista la particolare morfologia del territorio.

Per festeggiare il lancio della programmazione, Ryanair ha messo anche in vendita posti sulle sue rotte italiane a partire da 16,99 euro per viaggiare ad aprile 2019, prenotabili fino alla mezzanotte di sabato 27 ottobre solo online


comments powered by Disqus